Featured Question
Featured Question Subtext
Images
Watch
Watch Title
Watch Duration
Listen
//tt-streamingendpoint-ttmediaservices01.streaming.mediaservices.windows.net/d063168c-28b2-4e21-99cb-5eb79978f61c/PPL5_Fear_104_What_is_heaven_VO_.ism/manifest(format=m3u8-aapl-v3)
Listen Title
Ascoltare
Listen Duration
349
Gallery
Gallery Title
Document
Document label
Feature on Home
Feature order
Subtitle track

Un re stava per muovere guerra al suo vicino. Tutta la notte la passò a pensare tra sé e sé: “È il momento, presto andremo all’assalto. Non so se sopravviverò, potrei anche morire. Se morirò, andrò in paradiso o andrò all’inferno? Andrò in paradiso o andrò all’inferno?” Poi nella sua mente iniziò a risuonare questa domanda: “Ma cos’è il paradiso? E cos’è l’inferno? Cos’è il paradiso? Cos’è l’inferno?”

Il mattino dopo si alzò, indossò la sua armatura scintillante montò a cavallo e, mentre marciava con l’esercito alle sue spalle, continuava a domandarsi: “Cos’è il paradiso? Cos’è l’inferno? Cos’è il paradiso? Cos’è l’inferno?” Finché vide un saggio che proveniva dalla parte opposta, e a cavallo gli si avvicinò e gli chiese: “Saggio, dimmi: cos’è il paradiso? Cos’è l’inferno?”

Il saggio rispose: “Non ho tempo, ho da fare. Sono in cammino e non ho il tempo di spiegarti cos’è il paradiso e cos’è l’inferno.” Allora il re si infuriò: “Come osi? Non lo sai chi sono io? Sono il re! Come osi dirmi che non hai tempo di spiegarmi quello che ti ho chiesto, cos’è il paradiso e cos’è l’inferno?”

Il re era furibondo e il saggio disse: “Maestà, ora tu sei all’inferno.” Il re si fermò e iniziò a pensarci su: “Mio Dio, sono proprio all’inferno! Sono fuori di me, sono furioso, sono arrabbiato, sono veramente all’inferno. Caspita!” Scese da cavallo e si inginocchiò: “Ti ringrazio molto per quello che mi hai fatto capire. In un attimo mi hai tolto ogni dubbio. Grazie, grazie.” E il saggio disse: “Maestà, ora sei in paradiso.”

Vi piace questa storia? Bene. Siete d’accordo col saggio? Quanti di voi vanno all’inferno ogni giorno? E perché? Di proposito? O perché non avete alcun controllo? Quale delle due? O forse non avete trovato ancora niente per cui essere grati?

Una bella sfida, eh? “Ehi! Non è vero, io ho un sacco di cose di cui sono grato!” Ma il problema è che a volte vi deludono. Vi deludono!

C’è qualcosa nella vostra vita di cui siete grati veramente, veramente senz’ombra di dubbio, giorno e notte, nei momenti belli, nella ricchezza, nella povertà, nei giorni di abbondanza e nei giorni di miseria, nei giorni in cui tutto va come volete, e nei giorni in cui non c’è altro che frustrazione? In quei giorni in cui l’oceano interiore è calmo e in quei giorni in cui l’oceano interiore è in furiosa tempesta, avete qualcosa di cui essere grati?

Incondizionatamente e per sempre! Per sempre, fino al vostro ultimo respiro, senza domande, senza dubbi, ce l’avete? Se non l’avete, sarà meglio che la troviate. E se non riuscite a trovarla, allora comprendete quanto vi è vicina.

Essere vivi è una benedizione, questo respiro è una benedizione. Avere chiarezza nella vita è una benedizione.

– Prem Rawat