Stampa
Categoria: Educazione alla pace
Visite: 64
Gallery
Feature on Home
Feature order
Watch
Watch Title
Watch Duration
Subtitle track

Nella zona nord occidentale della piccola regione del Benin c’è una comunità che si sta impegnando molto per ottenere la pace. Col sostegno della Fondazione Prem Rawat (TPRF), Rachidi Adam ha fatto grandi passi avanti istituendo l’organizzazione no profit "Paix et Education". Da quando è stata fondata, questa organizzazione ha già facilitato il Programma di Educazione alla Pace per 200 studenti del liceo e per circa 500 detenuti del Carcere Civile di Natitingou, e si stanno avviando nuovi progetti nella città di Parakou, a quattro ore di distanza. Là il programma per intraprendere il cammino verso la pace interiore viene presentato ai residenti di un centro per disabili, a 450 studenti universitari e a 950 detenuti del carcere civile.

Il corso del Programma di Educazione alla Pace si avvale di video dei discorsi di Prem Rawat, e ogni sessione tratta un tema diverso, come la forza interiore, la dignità, la speranza e l’appagamento. Attraverso la TPRF, Prem offre gratuitamente il programma a diversi gruppi di persone in tutto il mondo.

Di recente, Rachidi ha presentato il programma a oltre 60 capi villaggio di Natitingou. L’incontro è stato organizzato per promuovere la pace, per reclutare nuovi volontari e presentare il programma alle autorità locali, compresi i rappresentanti dell’ufficio del sindaco e i leader religiosi cristiano e musulmano. La molteplicità dei partecipanti evidenzia quanto essi sentano il bisogno di promuovere la pace nella regione. Il giorno successivo Rachidi e la sua squadra sono riusciti a incontrare il Re di Natitingou, Sua Maestà Dassagaté. Ogni regione del Benin ha un re tradizionale cui viene riconosciuta la massima autorità e che è molto rispettato. Il Re ha risposto con entusiasmo ed è felicissimo di promuovere la pace nel cuore dei villaggi. Per dare un seguito all’iniziativa, il Re caldeggia un secondo incontro che includa i dignitari e i capi tradizionali, per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di diffondere il Programma di Educazione alla Pace nei villaggi, dove le liti tra agricoltori e pastori nomadi spesso provocano discordia e violenza. I risultati ottenuti da Rachidi e dalla sua organizzazione, in collaborazione con la Fondazione Prem Rawat, hanno dimostrato che in Benin vi è terreno fertile per la pace in quanto requisito essenziale per uno sviluppo sostenibile.